Veicolo elettrico giallo della spedizione 4x4 correndo su una strada sterrata africana

Missioni eco-friendly: 4x4Electric supera i 29.000 km in Africa a bordo di un veicolo elettrico

Pubblicato il 4 ottobre 2023 in Veicoli elettrici da Geotab Team |  4 minuti di lettura


Geotab collabora con la squadra di 4x4electric per supportare la loro missione e dimostrare l'idoneità dei veicoli elettrici a compiere lunghi viaggi.

Renske Cox e Maarten van Pel, i fondatori di "4x4electric", hanno ora percorso oltre 29.000 km, attraversando il continente africano in un veicolo elettrico. Geotab sta collaborando con loro, supportandoli con la tecnologia telematica a bordo.  

 

In questo secondo approfondimento sul loro viaggio, li abbiamo intervistati per conoscere le sfide e i momenti più importanti della loro esperienza finora. E, ovviamente, i dati di cui si stanno avvalendo grazie a Geotab. 

 

Geotab: Congratulazioni per aver raggiunto il Sudafrica! Come riassumereste la vostra esperienza finora?

 

Renske, Maarten: È stata intensa, sia in senso positivo che negativo, ma soprattutto positivo! Non è sempre stato facile, ma d’altronde anche questo fa parte di un'esperienza di questo tipo. 

 

Dal Ghana alla Namibia, non abbiamo visto cieli tersi per più di 4 mesi, e dal momento che ci facciamo chiamare "agricoltori del sole", non è stato piacevole! Ciononostante, è del tutto possibile guidare in tali condizioni con un veicolo elettrico e in realtà è stato più facile di quanto ci aspettassimo. Tuttavia, i pannelli solari sono risultati essenziali in quanto alcuni tratti del nostro viaggio erano sprovvisti di connessione. Abbiamo guidato alimentati dalla sola energia solare per 2 mesi e mezzo, dal Marocco meridionale al Ghana, per circa 5.500 km.*

 

* Insight sui dati di Geotab: se lo stesso viaggio fosse stato completato con un veicolo a benzina con una media di 8 litri ogni 100 km, il tragitto avrebbe comportato l’emissione di 9,6 tonnellate di CO2 .

 

Geotab: Questa è la prima volta che un viaggio di questo tipo viene portato avanti utilizzando l'energia solare così come l'energia elettrica convenzionale. Quanto del viaggio è stato completato utilizzando solo l'energia solare? 

Renske, Maarten: Abbiamo guidato per il 54% del nostro tragitto dal Marocco a Città del Capo utilizzando l'energia dei pannelli solari.* Infatti abbiamo attivato i pannelli solari 76 volte!

 

* Insight sui dati di Geotab: 4x4Electric ha caricato il proprio veicolo con pannelli solari per poco più di 235 ore, con una media di una sessione di ricarica ogni 7,5 ore. 

 

Geotab: E quanto è difficile rispetto all'utilizzo di un punto di ricarica? 

Renske, Maarten: In un certo senso è più facile, perché puoi farlo ovunque e anche la corrente è più alta, quindi puoi caricare di più in un giorno con i pannelli solari che con le prese a muro. In compenso, puoi ricaricare solo quando c'è il sole e noi abbiamo dovuto attraversare la stagione delle piogge. 

 

Inoltre, devi cercare un punto in cui i pannelli hanno la stessa angolazione; se uno ha un'angolazione diversa, questo può avere un impatto notevole sulla ricarica. Anche l'angolazione del sole è cambiata man mano che scendevamo: era di 45 gradi a sud nel Marocco meridionale, perfettamente sopra di noi in Camerun, e poi di 55 gradi a nord in Sudafrica. Trovare i luoghi in cui creare l'angolazione esatta era difficile. 

 

Geotab: Come avete trovato l'infrastruttura di ricarica elettrica in Africa?

Renske, Maarten: Il Sudafrica ha una rete di ricarica rapida, mentre il Marocco e il Kenya hanno anche alcuni caricabatterie. In questi paesi, siamo in grado di guidare le stesse distanze che possiamo percorrere in Europa. Anche la Namibia e l'Angola stanno investendo in infrastrutture di ricarica. 

 

Geotab: Come fate a sapere dove trovare i punti di ricarica? 

Renske, Maarten: Questa è una grande domanda, e in merito abbiamo parecchi aneddoti divertenti da raccontare. Le due stazioni di ricarica rapida della Namibia sono nella capitale: quando siamo arrivati, abbiamo incontrato una persona che ci ha detto che c'erano così pochi veicoli elettrici nel paese, che i loro proprietari hanno addirittura il loro gruppo WhatsApp. Se una stazione di ricarica è in uso, la persona che sta per utilizzarla successivamente invia un messaggio del tipo: "Parcheggerò accanto a te e aprirò la mia presa di ricarica, così puoi attaccarla quando hai finito." 

 

Inoltre, l'app PlugShare mostra la maggior parte dei punti di ricarica nei paesi in cui scarseggiano, ed è anche possibile segnalarne altri. Al confine con il Lesotho, ad esempio, abbiamo incontrato alcune persone che avevano appena installato 6 unità di livello 2 che non erano su nessuna mappa: una era in un hotel, e abbiamo chiesto in reception se potevamo usarla. Una volta utilizzata, abbiamo aggiunto la posizione nella mappa dell’app così che altri possano utilizzarla.

 

Geotab: In che modo la telematica di Geotab vi ha aiutato nel vostro viaggio? 

Renske, Maarten: Per noi è stata importante per i percorsi e per la nostra sicurezza: con i dati di localizzazione quasi in tempo reale, la nostra ONG è sempre stata in grado di vedere dove eravamo. La nostra posizione, sebbene con un ritardo di 3 giorni, è visibile anche sulla dashboard del nostro sito web per coloro che vogliano vedere il nostro itinerario. 

 

Geotab: Quali sono i progetti di sostenibilità più interessanti che avete visitato lungo il percorso? 

Renske, Maarten: Siamo stati fortunati a vedere alcune iniziative di sostenibilità davvero uniche. In Ghana, usano i droni per consegnare medicine in aree estremamente remote. Le cure possono arrivare in modo molto più veloce, e senza l’utilizzo di carburante - proprio come un 4x4electric. 

 

In Namibia, abbiamo visto come coltivano alghe in grandi quantità per produrre alimenti più sostenibili, oltre a imballaggi e fertilizzanti completamente biodegradabili. Ovviamente esisteranno tante altre iniziative, ma spesso è difficile trovarle. Con nostra grande frustrazione, a volte ne scoprivamo di nuove solo dopo aver attraversato il confine successivo. 

 

Geotab: Avevate iniziato ponendovi alcuni obiettivi: sono cambiati in qualche modo nel corso del viaggio? 
Renske, Maarten: Solo per quanto riguarda la ricarica solare. Il nostro obiettivo iniziale era quello di caricare il 51% dell'energia richiesta con i nostri pannelli solari. Ma quando siamo arrivati a Città del Capo, ad esempio, abbiamo deciso di lasciar perdere perché in Sud Africa hanno una rete di ricarica pressoché perfetta e siamo quasi in inverno, quindi la ricarica con i pannelli è difficile. 

 

Geotab: E dove andrete da qui? Quali sono le prossime tappe del vostro viaggio?

Renske, Maarten: Stiamo andando in Mozambico per un po' di snorkeling... e per viaggiare ancora! Poi Malawi, Tanzania e Kenya.

 

Abbiamo deciso che poi spediremo l'auto dal Kenya perché attualmente c'è la guerra in Sudan. Analogamente, l'Etiopia sta diventando sempre più instabile ed è estremamente costoso e complesso ottenere un'auto straniera proprio attraverso paesi come l’Etiopia o l’Egitto. Molte compagnie di spedizione esitano a inviare un'auto elettrica usata, quindi abbiamo iniziato cercando un percorso che ci permettesse di affrontare questa trafila una sola volta, permettendoci comunque di viaggiare via terra il più possibile. In breve la spediremo dal Kenya verso l'Europa meridionale: Italia, Grecia o Turchia, e poi nei Paesi Bassi.

 

Per saperne di più sulla spedizione, date un'occhiata ai loro progressi sul sito Web di 4x4electric e sulla dashboard dedicata. E se avete perso il primo blog post sulla loro avventura, leggetelo qui


Se ti è piaciuto questo post, faccelo sapere!


Dichiarazione di non responsabilità

I blog post di Geotab hanno l’obiettivo di fornire informazioni e stimolare la discussione su argomenti di interesse per la comunità telematica. Geotab non intende fornire consulenza tecnica, professionale o legale attraverso tali post. Nonostante sia stato fatto il possibile per garantire che le informazioni contenute siano puntuali e accurate, sono comunque possibili errori e omissioni, e le informazioni qui riportate potrebbero risultare non aggiornate con il passare del tempo.

Iscriviti al blog di Geotab

Segui ogni mese le notizie e i suggerimenti più importanti dal settore flotte. Puoi cancellare l'iscrizione al blog in qualsiasi momento.

Altri post che potrebbero piacerti

Donna giovane sorridente appoggiata a un veicolo elettrico fermo in ricarica

Donne e mobilità: i timori sulla sicurezza possono frenare il passaggio all'elettrico

Una nuova ricerca di Geotab® rileva i fattori che potenzialmente potrebbero limitare l'adozione dei veicoli elettrici, tra cui la sicurezza nelle stazioni di ricarica e l'affidabilità dell'infrastruttura

1 febbraio 2024

Veicolo elettrico bianco di marca asiatica parcheggiato tra altre auto.

Dalla Cina qualità, tecnologia e buon prezzo: ecco i veicoli elettrici in vendita in Italia

La Cina è, oggi, il paese cardine della mobilità elettrica, grazie a una solida catena di produzione di componenti che, insieme a un ambizioso piano di incentivi governativi, ha permesso alla sua industria di crescere a passi da gigante.

30 novembre 2023

Una serie di veicoli parcheggiati fotografati dall'alto

Una valida strategia di elettrificazione inizia con l'ottimizzazione delle operazioni della flotta

Inizia a prepararti per inserire veicoli elettrici nella tua flotta e scopri gli elementi chiave per una strategia di elettrificazione di successo.

20 luglio 2023

Auto elettrica ŠKODA del progetto 4x4 ferma lungo una strada sterrata

Il nostro viaggio in Africa di 40.000 km: come sfruttare la potenza del sole

Renske Cox e Maarten van Pel sono gli ideatori del progetto "4x4electric", una spedizione completamente autosufficiente lunga oltre 40.000 km, dall'Europa fino al Sudafrica a bordo di un veicolo elettrico. Geotab collabora fornendo la tecnologia telematica per il veicolo.

15 maggio 2023