Immagine su sfondo blu di un'auto formata da punti e linee interconnessi

Cos'è un veicolo connesso?

Pubblicato il 28 ottobre 2020 in Fleet Management  da Geotab team


I veicoli connessi hanno aperto un mondo di possibilità per migliorare le prestazioni.

Il dispositivo intelligente più rivoluzionario degli ultimi anni non è un telefono o un orologio... è la tua auto! In tutto il mondo, le aziende, gli enti pubblici e i privati stanno dotando i loro veicoli di una connessione a Internet, mentre i principali produttori di automobili stanno integrando dispositivi telematici nei loro modelli più recenti.

Cosa significa "auto connessa"?

Un'auto connessa è un veicolo dotato di tecnologia mobile e quindi "connessa" tramite Internet. Anche la telematica è utilizzata per collegare le auto tramite un piccolo dispositivo che si inserisce nel veicolo o attraverso una tecnologia incorporata. Il dispositivo telematico funziona come un hub per l’IoT (Internet of Things) che invia i dati dei veicoli a un servizio in cloud, dove possono essere elaborati e resi accessibili al proprietario del veicolo o al gestore della flotta.

Tipi di connettività nelle auto

Le capacità delle auto connesse possono essere raggruppate in diverse categorie:

  • Telematica: localizzazione e attività del veicolo, comportamento del conducente, diagnostica del motore. Le aziende possono monitorare le prestazioni di un'ampia flotta attraverso un'unica piattaforma online.
  • Vehicle-to-everything (V2X): interazione con qualsiasi oggetto nelle vicinanze del veicolo. Questa comunicazione può essere veicolo-veicolo (V2V), veicolo-pedone (V2P), veicolo-rete (V2N) o veicolo-infrastruttura (V2I).
  • Infotainment a bordo: interazione con gli occupanti del veicolo. Questo include l'intrattenimento audio e video e i sistemi di navigazione.

Qual è la differenza tra auto connesse e veicoli autonomi?

Un'auto connessa è dotata di connettività a Internet mentre un veicolo autonomo controlla il proprio movimento senza l'intervento del conducente. Un veicolo completamente automatizzato o autoguidato con intelligenza artificiale (IA) non ha bisogno dell'input del conducente per navigare verso la sua destinazione (comportamento che McKinsey definisce "autista virtuale").

 

I veicoli altamente automatizzati hanno ancora bisogno di anni di test prima di poter essere immessi sul mercato. Oggi, tuttavia, molti conducenti possono beneficiare della connettività e dell'automazione di base per il supporto di manovre come il parcheggio parallelo o il cruise control adattivo.

Il 5G incrementerà i vantaggi delle auto connesse

L'introduzione del 5G, la quinta generazione della tecnologia di comunicazione radiomobile, promette di migliorare la velocità e l'affidabilità della connessione a Internet in mobilità. Alle sue massime prestazioni, il 5G funziona 100 volte più velocemente del 4G e offre una latenza estremamente bassa. Ciò significa che i dispositivi 5G possono scaricare e inviare grandi quantità di dati in una frazione del tempo che impiegherebbero i dispositivi 4G.

 

Si prevede che il 5G possa portare a una crescita del mercato per un numero sempre crescente di dispositivi, siano essi smartphone o termostati, che si affidano a una connessione stabile a Internet. Uno di questi strumenti, un'auto connessa, genera milioni di dati puntuali al giorno che possono essere trasferiti più velocemente che mai utilizzando il 5G. Il tracciamento in tempo reale diventerà ancora più accurato, migliorando soluzioni come i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aiutano i conducenti a evitare i rischi di collisione.

Telematica OEM

Tra i principali produttori di veicoli, o Original Equipment Manufacturer (OEM), sta emergendo la tendenza di integrare i dispositivi telematici direttamente a bordo dei nuovi modelli. I dispositivi integrati, a fronte del consenso dell’utente,  sono in grado di elaborare le informazioni specifiche del veicolo e i dati telematici dell'OEM. Questi dati possono poi essere integrati in una piattaforma online di Fleet Management che standardizza l'esperienza dell'utente, consentendo ai proprietari di flotte con una molteplicità di veicoli e di tipi di connettività di visualizzare tutte le informazioni in un unico luogo.

Tecnologia e applicazioni dei veicoli connessi

Una volta che i veicoli sono connessi, i numerosi dati GPS e di diagnostica di bordo (OBD) possono essere elaborati e visualizzati su una piattaforma online di Fleet Management. I gestori di flotte possono utilizzare queste informazioni per prendere decisioni aziendali critiche, misurare l'efficacia di tali decisioni e confrontare le prestazioni rispetto a quelle di flotte simili.

Ecco alcuni degli aspetti sui quali le flotte possono trarre vantaggio dalla tecnologia dei veicoli connessi:

  • Produttività: monitoraggio di fattori che influenzano la produttività della flotta, come ad esempio il tempo di sosta con il motore acceso, il tempo di guida, le visite ai clienti o i luoghi di avviamento.
  • Sicurezza: rilevamento di comportamenti di guida rischiosi come ad esempio frenate brusche, eccesso di velocità o sterzate improvvise. Impostazione di pratiche di formazione dei conducenti e assistenza alla guida avanzata o installazione di soluzioni con telecamera per ottenere visibilità sull'attività su strada.
  • Manutenzione: accesso ai dati dello stato di salute del veicolo. Utilizzo di una piattaforma connessa di Fleet Management per impostare interventi di manutenzione predittiva al fine di ridurre al minimo il rischio di guasti imprevisti e potenzialmente pericolosi dei veicoli.
  • Sostenibilità: generazione di dati precisi sul consumo di carburante e sulle attività inefficienti come la sosta a motore acceso. In caso di flotte composte da veicoli elettrici o da un mix di veicoli elettrici e convenzionali è possibile monitorare i livelli di carica, l'autonomia e il livello di degrado della batteria.

Come la tecnologia dei veicoli connessi sta cambiando il settore delle flotte

Le attuali capacità di localizzazione degli asset vanno ben oltre le sole informazioni sulla posizione. I gestori di flotte connesse possono facilmente visualizzare e monitorare variabili come il comportamento del conducente, il consumo di carburante, gli eventi bruschi e lo stato di salute del motore. Queste informazioni possono essere utilizzate per realizzare piani completi di miglioramento della sicurezza, della produttività, della sostenibilità e molto altro.


Se ti è piaciuto questo post, faccelo sapere!


Dichiarazione di non responsabilità

I blog post di Geotab hanno l’obiettivo di fornire informazioni e stimolare la discussione su argomenti di interesse per la comunità telematica. Geotab non intende fornire consulenza tecnica, professionale o legale attraverso tali post. Nonostante sia stato fatto il possibile per garantire che le informazioni contenute siano puntuali e accurate, sono comunque possibili errori e omissioni, e le informazioni qui riportate potrebbero risultare non aggiornate con il passare del tempo.