conducente che scarica pacchi dal suo furgone last mile

L’accessibilità dei veicoli elettrici, vettori dell’ultimo miglio per le flotte aziendali

Pubblicato il 29 settembre 2021 in Veicoli elettrici da Geotab team


L’e-commerce ha già scoperto il grande apporto dei veicoli elettrici non solo in materia di salvaguardia ambientale e di tutela della salute.

Una delle prime informazioni che si acquisiscono in merito alle regole di accessibilità per i veicoli elettrici è che non subiscono restrizioni alla circolazione, ossia che possono entrare liberamente in tutte le zone contrassegnate come ZTL (zone a traffico limitato). 

 

Pur se questa affermazione necessiterebbe di alcuni distinguo - giacché la disposizione, locale, è passibile di variazione da comune a comune -, si può affermare serenamente che la scelta di una soluzione di trasporto zero emissioni costituisca la soluzione migliore per non incorrere in “alt” forzati.  

 

La flotta aziendale dove sia previsto l’utilizzo di veicoli elettrici può quindi organizzare tranquillamente il calendario delle operazioni indifferentemente dalle destinazioni finali e intermedie, previa ovviamente verifica della documentazione eventualmente richiesta. 

 

Un'agevolazione importante, tra gli altri, per un settore in fortissima crescita come l’e-commerce. È plausibile che, spinto anche dall’emergenza pandemica, virerà sempre più verso un servizio di consegna 24/7 (ossia tutti i giorni, a tutte le ore). 

 

Che cosa accadrebbe in caso di “domenica ecologica”, provvedimento amministrativo adottato quando i livelli degli agenti inquinanti nell’aria superano la soglia massima di sicurezza? Nessun problema, a patto che dallo scarico non esca alcuna emissione, come nel caso, appunto, dei veicoli con sistema di trazione elettrico.

 

Scopri le soluzioni telematiche per le flotte del settore consegne di Geotab

Accessibilità dei veicoli elettrici e logistica dell’ultimo miglio

Se per l’arrivo dei beni nei centri di stoccaggio e distribuzione possono essere utilizzati i mezzi più diversi in chiave intermodale (treno, nave, trasporto pesante su gomma), il tratto finale intrapreso dalle merci prima di giungere nelle mani del destinatario, anche per riguardo al tema dell’inquinamento in città, spesso “strizza l’occhio” alle alimentazioni alternative rispetto alla benzina e al diesel. 

I furgoni dei corrieri sono divenuti ormai parte dell’arredo urbano, una facilitazione specialmente per chi risiede al di fuori di grandi centri. 

 

Secondo l’ultimo report “What’s Next nel settore LCV”, commissionato dalla società di noleggio LeasePlan a McKinsey, la diffusione a livello globale del Covid-19, che ha portato a un’esplosione di presenze di mezzi per le consegne lungo le nostre strade, sarà il motore di una rapida innovazione nel segmento degli LCV (Light Commercial Vehicles), chiamati ad essere più puliti, ecologici e intelligenti grazie alla connettività garantita dalla tecnologia telematica. 

 

Tre le tendenze portanti che si riferiscono direttamente al tema dell’ultimo miglio: in primo luogo, una presenza sempre più ampia di ULEZ (zone a emissioni ultra-basse) nelle città di tutta Europa; quindi, la creazione di hub logistici nelle periferie delle maggiori città; infine, un crescente utilizzo dei Big Data al fine di svolgere analisi predittive che consentano di migliorare la redditività e competitività aziendale. 

Secondo il rapporto, il New Normal che si sta faticosamente facendo strada non prevederà alcuna inversione di rotta.   

Il gigante delle consegne che crede nell’elettrico e gli altri

Il gigante dell’e-commerce Amazon ha presentato da tempo il suo primo veicolo elettrico per le consegne. Progettazione e sviluppo sono stati portati avanti in collaborazione con la connazionale Rivian, uno dei due case study - insieme con Arrival - presentati all’interno del report di LeasePlan. Dal 2022 ne saranno in servizio 10.000, che diventeranno dieci volte di più entro il 2030. 

 

Occorre sottolineare che sono diverse le Case automobilistiche che propongono sul mercato modelli di van e furgoni totalmente zero emissioni. La prima a crederci fu, una decina di anni fa, il Marchio della Losanga: la francese Renault rivide in chiave commerciale il suo quadriciclo leggero Twizy a cui allora aggiunse  il Kangoo Z.E. (Zero Emission) in attesa dell’arrivo, più avanti, del Master Z.E. a completare la gamma.

 

La visione innovativa del Gruppo Renault per l’ultimo miglio

 

Ultimo obiettivo aggiornato al momento dall’Unione Europea è la riduzione di almeno il 55%, entro il 2030, delle emissioni di gas a effetto serra rispetto ai valori del 1990. 

Un traguardo che potrebbe essere avvicinato se nel Vecchio Continente una quota significativa di auto aziendali, corrieri (furgoni e camion) e autobus iniziasse a convertirsi all’elettrico. Da soli sono infatti responsabili della metà delle emissioni legati al comparto trasporti (fonte: studio Eurelectric ed Ernst & Young, pag. 3). 

Le flotte coprono il 20% dei 63 milioni di veicoli del parco circolante rilevato in Europa ed oltre il 40% del totale dei chilometri complessivi.

Telematica, la tecnologia a garanzia di un servizio sicuro ed efficace

Quando si parla di cibo, poter pianificare la consegna e tracciare il movimento dei veicoli attraverso un apposito strumento software come la piattaforma gestionale di Geotab, si rileva un elemento determinante a tutela della qualità del prodotto. 

 

Tra le voci da tenere in considerazione vi è l’ottimizzazione del percorso, un processo che può trarre beneficio dall’accessibilità costante e diffusa legata alle soluzioni di trasporto zero emissioni. Nessun problema se si guarda alla temperatura da conservare a bordo, il mercato offre un ampio catalogo di modelli di varie “taglie” tra cui scegliere. 

 

Il fattore tempo gioca un ruolo importante anche quando si parla di farmaci. Geotab ha analizzato le esigenze del comparto fornendo strumenti specifici. La qualità della sua offerta ha spinto la società internazionale Univex a siglare un accordo con uno dei business partner autorizzati Geotab per i suoi servizi in Italia e in Europa. 

 

Ora non resta che dare uno sguardo a tutte le soluzioni di fleet management di Geotab per i diversi settori.


Se ti è piaciuto questo post, faccelo sapere!


Dichiarazione di non responsabilità

I blog post di Geotab hanno l’obiettivo di fornire informazioni e stimolare la discussione su argomenti di interesse per la comunità telematica. Geotab non intende fornire consulenza tecnica, professionale o legale attraverso tali post. Nonostante sia stato fatto il possibile per garantire che le informazioni contenute siano puntuali e accurate, sono comunque possibili errori e omissioni, e le informazioni qui riportate potrebbero risultare non aggiornate con il passare del tempo.