foto del quadro di un'automobile

Nuovi limiti di velocità nei centri città in Italia: l’impatto urbano e il ruolo della telematica

Pubblicato il 9 febbraio 2024 in Sicurezza e prevenzione da Flavia Scura |  2 minuti di lettura


Le città italiane stanno vivendo una vera e propria rivoluzione della mobilità urbana, con l'introduzione di nuovi limiti di velocità (e quindi di energia cinetica) nei centri storici.

Queste misure, mirate a migliorare la sicurezza e la sostenibilità ambientale, trovano un prezioso alleato nella telematica, la quale può svolgere un ruolo chiave nell'ottimizzazione e nel monitoraggio di queste nuove politiche di traffico.

Città italiane all'avanguardia

Olbia

 

La prima città 30 Km/h d’Italia si trova in Sardegna, più precisamente a Olbia. È lì che nel 2021 il sindaco ha imposto il limite in tutta la città, comprese le frazioni. Da allora, sebbene le ritrosie iniziali e il primo periodo di transizione, i risultati in termini di percezione della qualità della vita dei cittadini, sono aumentati.

 

Bologna

Anche la città di Bologna ha recentemente adottato una strategia di "zona 30" (dove però le multe scattano a partire dai 35 km/h) in molte aree del centro storico, con l'obiettivo di ridurre gli incidenti e migliorare la convivenza tra i vari utenti della strada. E ne ha parlato persino il New York Times. Questo approccio non solo disincentiva il traffico e l’inquinamento acustico e ambientale, ma crea anche un ambiente più accogliente per pedoni e ciclisti, incoraggiando la cittadinanza a optare per modalità di trasporto più sostenibili e sicure - e i primi dati a supporto sono incoraggianti.

 

Milano

Milano, nel suo Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS), ha introdotto limiti di velocità di 30 km/h in diverse zone, compreso il cuore pulsante della città. Questa misura si inserisce in un più ampio contesto di interventi che includono anche la pedonalizzazione di alcune vie e la creazione di nuove ciclabili, delineando una visione di città sempre più green e meno dipendente dalle automobili. Una tendenza similare a Bologna, ma con le giuste accortezze per il tipo di città.

 

Firenze

Firenze ha implementato i limiti di 30 km/h non solo per proteggere l'incolumità dei suoi cittadini, ma anche per preservare il suo inestimabile patrimonio artistico e culturale. Il traffico ridotto in 12 zone, ivi incluse quelle del centro e del Parco delle Cascine, consente di mantenere le strade storiche meno soggette a danni e vibrazioni causate da veicoli pesanti e ad alta velocità, garantendo così la conservazione a lungo termine dei monumenti della città.

Vantaggi dei nuovi limiti di velocità e contributo della telematica

 

Sicurezza

La telematica può aiutare a monitorare il rispetto dei limiti di velocità, raccogliendo dati in tempo reale che possono essere utilizzati per applicare sanzioni o per studiare modelli di traffico e comportamenti alla guida, al fine di implementare ulteriori misure di sicurezza.

 

Ambiente

I sistemi telematici consentono di raccogliere dati sull'emissione di sostanze inquinanti dei veicoli, contribuendo a valutare l'efficacia dei nuovi limiti di velocità nella riduzione dell'inquinamento. Inoltre, possono facilitare la gestione del traffico, riducendo le situazioni di congestione che aumentano le emissioni nocive.

 

Qualità della vita

Con la telematica, è possibile creare sistemi di navigazione che indirizzano gli utenti lungo percorsi ottimizzati, riducendo il traffico nelle zone residenziali e migliorando la qualità della vita.

 

Mobilità sostenibile

La telematica supporta la mobilità sostenibile attraverso sistemi di car sharing o car pooling, che possono essere integrati con app e piattaforme per incentivare l'uso di mezzi alternativi all'auto privata.

 

Gestione del traffico

La telematica permette un controllo più efficace del traffico, con segnaletica dinamica e sistemi intelligenti di semaforizzazione, che si adattano in tempo reale alle condizioni di traffico, ottimizzando i flussi veicolari e riducendo gli ingorghi.

Conclusioni

Nonostante i vantaggi, esistono ancora sfide da affrontare, come l'aumento potenziale del traffico e l'impatto economico su alcuni commercianti. La resistenza al cambiamento è un altro ostacolo, ma l'impiego della telematica può facilitare la transizione verso una mobilità più consapevole e responsabile.

 

In breve, la collaborazione tra tecnologia, cittadini e amministrazioni locali è fondamentale per realizzare il pieno potenziale di queste iniziative, perché la strada verso il futuro è già segnata.


Se ti è piaciuto questo post, faccelo sapere!


Dichiarazione di non responsabilità

I blog post di Geotab hanno l’obiettivo di fornire informazioni e stimolare la discussione su argomenti di interesse per la comunità telematica. Geotab non intende fornire consulenza tecnica, professionale o legale attraverso tali post. Nonostante sia stato fatto il possibile per garantire che le informazioni contenute siano puntuali e accurate, sono comunque possibili errori e omissioni, e le informazioni qui riportate potrebbero risultare non aggiornate con il passare del tempo.

Iscriviti al blog di Geotab

Segui ogni mese le notizie e i suggerimenti più importanti dal settore flotte. Puoi cancellare l'iscrizione al blog in qualsiasi momento.

Altri post che potrebbero piacerti

Immagine concettuale sul machine learning

15 consigli per implementare una piattaforma telematica resiliente

I veicoli connessi offrono nuovi vantaggi, ma pongono anche diverse sfide di sicurezza informatica. Scopri le nostre 15 raccomandazioni sulla sicurezza per le piattaforme telematiche.

9 giugno 2023

A person watching his phone while driving

In che modo le telecamere anti distrazioni possono contribuire a migliorare la sicurezza in auto

Scopri i pericoli che comporta la guida distratta e come disincentivarla.

18 aprile 2023

A truck driver

Tachigrafo intelligente di seconda generazione: le tappe di avvicinamento e l'evoluzione

I primi a montare questa nuova tecnologia saranno i veicoli pesanti immessi sul mercato alla data di applicazione del nuovo Regolamento UE. Ma da lì a tre anni le novità interesseranno anche i mezzi di trasporto con massa inferiore.

21 marzo 2023

Car on a snowy road

Quanto influisce la temperatura sull'autonomia dei veicoli elettrici?

Vediamo perché la temperatura impatta sulla distanza percorribile da un veicolo elettrico con batteria completamente carica.

3 febbraio 2023