Skip to main content

Immagine di un tachigrafo digitale

Simboli del cronotachigrafo: l’importanza di conoscerli e saperli leggere

Ultimo aggiornamento il 5 ottobre 2022 in Trasporto e logistica da Geotab Team |  3 minuti di lettura


Nel settore del trasporto su strada di merci e di persone, l’utilizzo del tachigrafo digitale e di un sistema codificato di segni consente di tenere traccia delle principali informazioni legate a un viaggio, dai momenti obbligatori per legge di pausa/riposo alle anomalie riscontrabili sul veicolo.

Il tachigrafo - o cronotachigrafo o dispositivo di controllo CE - è un fedele quanto prezioso compagno di viaggio per i professionisti del trasporto su strada di merci e persone (si parla di veicoli con massa complessiva fissata al momento oltre le 3,5 ton, che coprono più di 50 km - mezzi pesanti -, nonché di veicoli con numero di persone a bordo superiore a nove compreso il conducente - autobus e autosnodati). 

 

Ideato con tecnologia analogica traendo ispirazione dal tachimetro, questo strumento di monitoraggio è divenuto dotazione obbligatoria su tutti i veicoli pesanti nuovi immatricolati nel territorio dell’Unione Europea dopo il primo maggio del 2006 a seguito della pubblicazione del Regolamento (CE) n. 561/2006, in seguito modificato dal Regolamento (UE) 2020/0154. In Italia le disposizioni contenute nel primo dei due documenti sono entrate in vigore l’11 aprile 2007.

 

Tra le finalità di fondo che hanno sostenuto la decisione a livello comunitario vi è stata la necessità di ovviare ai turni massacranti a cui troppo spesso erano sottoposti gli autotrasportatori. Anche la volontà di combattere la concorrenza sleale e di promuovere una competizione corretta tra i diversi player del settore hanno rappresentato in tal senso un terreno estremamente fertile.   

 

Il tachigrafo che conosciamo e utilizziamo ancor oggi è un apparecchio elettronico con due slot per l’inserimento di smart card (dette “carte tachigrafiche”), un selettore manuale, una piccola stampante e uno piccolo schermo sul quale leggere l’andamento dei principali parametri legati alla guida e al viaggio. Un tempo si utilizzavano dischetti di carta da compilare manualmente e inserire, prima dell’inizio del turno, in un'unità scrivente.
 

Il modulo RDL e lo scarico dei dati del tachigrafo digitale

Un paradigma comune: i quattro simboli standard per i produttori 

Se la tecnologia di riferimento è cambiata, agevolando di riflesso i conducenti, che cosa si può dire dei pittogrammi, i simboli del cronotachigrafo digitale attraverso cui è possibile raccontare la storia di un viaggio?
 

Per trovare una risposta al quesito, occorre richiamare l’art. 34 - comma 5 - del Regolamento (UE) n. 165/2014 (adottato nel nostro Paese con Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico n. 242/2021) con cui è stato abrogato il Regolamento (CEE) n. 3821/1985.
 

Conformità alle normative di fleet management: un aiuto arriva da Geotab
 

Il passaggio indicato elenca i quattro simboli del cronotachigrafo standard che devono essere presenti in tutti i sistemi, indipendentemente dal costruttore del dispositivo. I pittogrammi in questione, che attengono ad altrettanti periodi separati e distinti, sono:

  1. tempo di guida: il suo segno distintivo è un quadrato con un puntino al centro (si noti, lo stesso simbolo è utilizzato per indicare un conducente);
  2. altre mansioni: riguarda le attività svolte quando il veicolo è fermo, come la supervisione delle attività di carico/scarico. Il pittogramma corrispondente sono due martelli incrociati;
  3. tempi di disponibilità: indica che il conducente non sta lavorando, ma è pronto a riprendere l’attività di autotrasporto. Il simbolo corrispondente è un quadrato barrato a metà;
  4. interruzioni di guida e periodi di riposo: il segno identificativo è un letto.
     

Pittogrammi del cronotachigrafo
Le attività di cui sopra sono registrate e salvate sulla carta tachigrafica del conducente. Il doppio slot d’ingresso sull’unità digitale installata nell’abitacolo consente di tenere traccia dell’operato di due autisti che si diano il cambio. 

Le categorie che possono accedere alle registrazioni del tachigrafo

Soggetti abilitati a interagire con il dispositivo tramite una specifica tipologia di carta tachigrafica, a cui corrisponde una funzione d’utilizzo differente, sono, oltre al driver:

  • i centri di controllo: il simbolo del tachigrafo per l’officina ricorda un martello;
  • la proprietà dei veicoli: il pittogramma del tachigrafo riservato all’azienda è una casetta;   
  • le Forze dell’Ordine: il segno del cronotachigrafo abbinato all’autorità di controllo è un uomo con cappello.

Un quinto simbolo - un rettangolo in verticale diviso a metà - appartenente sempre a questo gruppo, identifica invece il produttore. 
 

Le carte tachigrafiche sono contraddistinte da colori diversi a seconda della categoria: bianco per i conducenti; giallo per le aziende; blu per le Forze dell’Ordine; rosso per le officine. Solo i centri tecnici autorizzati possono provvedere all’installazione e alla calibratura del tachigrafo digitale, nonché ai relativi interventi di manutenzione 
 

Attraverso le smart card avviene l’identificazione del soggetto. Mentre la carta tachigrafica rilasciata ai conducenti è personale, quella delle aziende consente di acquisire le informazioni raccolte da tutti i dispositivi a bordo dei veicoli della flotta. 
 

Gestione delle flotte semplificata con Geotab Tachograph, il software per il tachigrafo digitale

Scansione cronologica delle attività: come si (rap)presenta

L’apparecchio, che avvia automaticamente la registrazione con la messa in moto del veicolo, tiene traccia della velocità di marcia, della distanza coperta e del tempo trascorso al volante. 
 

Dovendo mantenere monitorate le fasi di guida e quelle di riposo dell’autista, si affida per la scansione cronologica a una specifica famiglia di simboli:

  • 24h per “giornaliero”;
  • un’asta verticale per “settimanale”;
  • due aste verticali affiancate per “bisettimanale”.

Una freccia che punta verso destra può indicare alternativamente l’avvio o la conclusione di un’attività. Un’asta verticale seguita da una punta avverte dell’inizio del turno; a elementi invertiti segnala invece la fine della sessione lavorativa. 

Altri possibili simboli del cronotachigrafo

L’unità tachigrafica digitale installata a bordo dei veicoli per registrare l’andamento del servizio di trasporto è altresì in grado di avvertire di una situazione anomala o di un utilizzo improprio. Racchiuse sotto la dizione “evento”, le due voci sono rappresentate dallo stesso pittogramma, un punto esclamativo. Vi è poi un segno che ricorda una X e vuole segnalare un “errore” occorso a livello di sistema.
 

Due simboli particolari sono quelli legati alla scritta OUT, che compare laddove il veicolo circoli in un contesto territoriale dove il Regolamento UE sopra richiamato non trova applicazione (“Strumento di controllo non necessario”); e la piccola nave stilizzata per indicare “sosta su traghetto o treno”, quando il camion e l’autobus hanno il motore spento, ma sono egualmente soggetti a un movimento indiretto. 
 

Oltre che singolarmente, i simboli del tachigrafo digitale possono comparire sul display e sulla stampata riassuntiva in combinazione tra di loro per veicolare un messaggio coordinato. 


Se ti è piaciuto questo post, faccelo sapere!


Dichiarazione di non responsabilità

I blog post di Geotab hanno l’obiettivo di fornire informazioni e stimolare la discussione su argomenti di interesse per la comunità telematica. Geotab non intende fornire consulenza tecnica, professionale o legale attraverso tali post. Nonostante sia stato fatto il possibile per garantire che le informazioni contenute siano puntuali e accurate, sono comunque possibili errori e omissioni, e le informazioni qui riportate potrebbero risultare non aggiornate con il passare del tempo.

Iscriviti al blog di Geotab

Segui ogni mese le notizie e i suggerimenti più importanti dal settore flotte. Puoi cancellare l'iscrizione al blog in qualsiasi momento.

Altri post che potrebbero piacerti

Veicolo bianco lungo strada nottura illuminata

La telematica nell'era dei veicoli connessi: quale ruolo avranno gli OEM in futuro?

Attualmente, l'industria automobilistica sta attraversando una fase di cambiamento profondo: i motori a combustione interna vengono progressivamente sostituiti da quelli elettrici, e in parallelo i veicoli connessi assumono una rilevanza sempre maggiore.

26 marzo 2024

Cartello con la P di Parcheggio su uno sfondo del cielo

Area di sosta per camion: opportunità o necessità?

Uno dei problemi maggiori degli autisti delle aziende di trasporto sembra essere la ricerca di un’area di sosta per i propri camion e rimorchi.

17 ottobre 2023

Conducente seduto con occhiali da sole nel suo camion

Funzionamento del cronotachigrafo digitale, istruzioni per l’uso. Il presente e il futuro

Qualcosa è già cambiato di recente con la normativa sul cronotachigrafo del 2020, il Regolamento UE 1054 che ha modificato e integrato il precedente del 2014. Ma altre novità importanti si profilano già all’orizzonte nell’attesa della nuova generazione della “scatola nera” di bordo

9 novembre 2022

EU blue flags in front of the Parliament building

Infrastrutture per i combustibili alternativi, l’Europarlamento chiede una accelerazione

I deputati riuniti a Strasburgo (FR) hanno tracciato la via per una più capillare e rapida diffusione delle stazioni per il rifornimento. Obiettivo dichiarato è aiutare l’Unione continentale a conseguire la neutralità climatica abbattendo per prime le emissioni alteranti di anidride carbonica (CO₂)

31 ottobre 2022

View last rendered: 07/15/2024 22:35:15